Remove this ad

#21 [url]

Oct 2 09 1:54 PM

Benvenuto, pdebe007. Mi chiedevo se questa nuova generazione di dispositivi stesse cominciando a diffondersi nei tradizionali punti vendita dell'elettronica di consumo. O se viceversa continuino a essere difficili da reperire. Avete provato a cercare una Internet radio nei negozi? E qual è stata la vostra esperienza di qcquirenti?
In queste ultime settimane ho notato che sui giornali americani si parla sempre più frequentemente di Internet radio e i dispositivi commercializzati sono piuttosto numerosi. E' facile immaginare che la tendenza si rafforzerà, perché i costruttori di componenti sono sempre più orientati alla progettazione di chip ibridi  che  consentono di  proporre apparecchi radio  in grado di ricevere la radiofonia analogica, quella digitale e integrano anche l'interfaccia 802.11 del Wi-Fi.
Il fascino delle onde corte e dell'ascolto delle emittenti locali a lunga distanza resta intatto ma non va neppure trascurato l'aspetto della facilità con cui questi apparecchi multifunzione consentono di allargare in modo tanto significativo l'offerta di programmi radiofonici, tra l'altro in una molteplicità di lingue. Nell'ambito, forse ristretto, di chi segue alla radio i programmi culturali, queste opportunità dovrebbero risultare apprezzatissime.

Cita    Reply   
Remove this ad
avatar

pdebe007

primo sguardo

Posts: 2

#22 [url]

Oct 3 09 3:46 PM


Buon giorno Andrea,
per rispondere al tuo msg posso garantirti che, almeno qui in Ticino questi tipi di radio puoi trovarli nella grande distribuzione (Media Markt, Manor ecc.) sono proposti in alternativa alle radio analogiche. Questo per esempio non lo trovo corretto in quanto presto la banda FM verrà abbandonata dalle stazioni dell'emittente di stato a favore del DAB e nei negozi vi sono ancora i 2 tipi di radio, questo crea confusione. Per tornare al digitale trovo che per quanto riguarda il DAB vi sia un minimo di preparazione da parte del personale di vendita, per la questione radio via internet l'unica cosa che ti sanno dire é che puoi ascoltare 9 o 10000 radio da tutto il mondo stop. Per quanto riguarda l'ascolto concordo con te, a differenza dalle HF, in particolare in DX dove lo scopo principale era di ascoltare l'ID della stazione e il 10 minuti di programma per la registrazione, con la internet radio ascolto la trasmissione nella sua totalità, prestando attenzione al contenuto. Dove, a mio parere, l'internet radio é veramente valida é sulla ricerca tematica di stazioni, ad esempio, il sottoscritto appassionato di jazz posso ascoltare numerose stazioni che trasmettono solo questo tipo di musica, idem per i podcast ecc. Ultima cosa riguardo alla reperibilità di questi apparecchi su www.toppreise.ch se inserisci il modello radio che desideri puoi verificare le numerose offerte di vari negozi in tutta la Svizzera.
Saluti ciao Paolo

Cita    Reply   

#23 [url]

Oct 12 09 5:37 PM

Paolo e tutti gli amici interessati (tra cui credo Roberto), forse avrete visto che ho appena pubblicato su RP i risultati delle mie prove con Nokia Home Music, un "ricevitore" che integra uno stadio ricevente FM e una Internet radio per seguire gli stream delle Web radio e dei podcast senza il pc, direttamente da una connessione wi-fi o Ethernet cablata. Il ricevitore ibrido multifunzione non comprende il DAB e costa, sul Nokia Store online, la bellezza di 399 euro.

Cita    Reply   
avatar

r3fan

primi passi

Posts: 26

#24 [url]

Oct 13 09 8:11 PM

ecco, la Pure Sensia che Andrea ha appena illustrato sul blog va già meglio, un praticissimo touch screen da 5.7" 640x480, il DAB oltre alla FM e ad un prezzo un po' meno terroristico del Nokia intorno ai 260€, diventa più interessante, oltretutto col miraggio di poter forse metter le mani nel linux embedded per fargli fare qualcos'altro wink
luciano

Cita    Reply   

#25 [url]

Oct 14 09 4:46 PM

Sapevo che questo apparecchio avrebbe solleticato il tuo interesse, Luciano. Sto cercando di capire, attraverso l'ufficio stampa Pure, se sarà possibile avere un esemplare in prova, vediamo come andrà a finire. In linea teorica, il mercato italiano a partire dal 2010 dovrebbe cominciare a farsi interessante. Io resto molto scettico sulle scelte implementative del DAB in Italia (non sulla tecnologia in sé, anche se non risolve certo il collo di bottiglia di una sovrabbondanza di network nazionali/regionali e stazioni locali da sistemare nei multiplex), ma se la ricanalizzazione televisiva e il riassegnamento delle frequenze recentemente liberate dalla Difesa (a Roma l'amico Francesco mi segnala che è già stato attivato il blocco 13D) vanno in porto, la sperimentazione che ci tiriamo dietro da 15 anni  potrebbe concretizzarsi in una offerta stabile. Forse.

Cita    Reply   
Remove this ad
avatar

r3fan

primi passi

Posts: 26

#27 [url]

May 16 11 9:29 AM

Grazie, r3fan per l'utile link delle stazioni radio che trasmettono in streaming in europa; mi riferisco al sito [url]. 'E una vera miniera e c'è l'imbarazzo della scelta. 'E veramente ottimo!
  Ciao da frank17, nuovo utente.

-frank17

nel dare il benvenuto in Radiopassioni a frank17, oltre a ringraziarlo per l'apprezzamento, colgo l'occasione, in riferimento al suo post sui software per ascoltare e registrare le internet radio, per segnalargli quel formidable software open source e multipiattaforma che si chiama "VLC media player" ( http://www.videolan.org/vlc/ ), col quale si può ascoltare, registrare o convertire in vari formati praticamente di tutto, disponibile anche in italiano e su vari sistemi operativi.
saluti, luciano


Cita    Reply   
avatar

frank17

primo sguardo

Posts: 4

#28 [url]

May 16 11 5:36 PM

Grazie a te, r3fan, per il benvenuto su radiopassioni e per il suggerimento di VLC media player. A dire il vero, ne avevo già sentito parlare; sapevo che è un media player multipiattaforma e open source, ma non sapevo che si potesse anche registrare e convertire in vari formati. Questa è una caratteristica interessante e ne terrò conto. Grazie per la tua risposta. Ciao.

Cita    Reply   

#29 [url]

May 16 11 5:59 PM

Sì, le funzioni di "transcodifica" di Vlc e la possibilità di ridirigere gli stream ricevuti verso un file piuttosto che una uscita audio (e quindi di registrare), sono davvero molto flessibili. Per chi non ha troppa dimestichezza con sigle e parametri ci sono anche dei wizard autoguidati. Si tratta in ogni caso di una piattaforma potente e non sempre completamente intuitiva, che richiede una certa pratica. 
Per la registrazione e l'editing audio un altro programma open source e multipiattaforma è Audacity, anche lui molto ricco di funzionalità.

Andrea

Cita    Reply   
Remove this ad
Scrivi una risposta

Risposta rapida

bbcode help